Si è concluso nel pomeriggio il terzo congresso regionale Anief Campania in cui è stato confermato Stefano Cavallini come presidente regionale Anief Campania. Rieletti Angelo Di Palma alla guida di Avellino, Gino Masciotra di Benevento e Alessandra Boccanfuso di Napoli. A Caserta e Salerno eletti i presidenti reggenti uscenti Giuseppe di Pascale e Alessandro Sola

Durante il congresso, nella relazione conclusiva dei suoi 4 anni di presidenza, il presidente regionale uscente ha rimarcato i tanti traguardi raggiunti e i molti obbiettivi che ancora attendono di essere conquistati.

Gli iscritti più che raddoppiati, sedi aumentate in tutta la regione, una rete di collaboratori sempre più numerosa ed efficiente, la rappresentatività raggiunta nel 2018 con un importante apporto della Campania, questi sono i traguardi raggiunti.

Fare bene nelle prossime elezioni per il CSPI, essere più presenti nel territorio con una rete di Terminali Associativi capillare, riconfermare il successo delle ultime elezioni RSU nel 2022 migliorando considerevolmente l’apporto della Campania, questi alcuni degli obbiettivi da raggiungere per il prossimo quadriennio.

“Sono contento dei successi raggiunti dalla squadra campana e sono orgoglioso di tutti i dirigenti sindacali con cui ho lavorato e che hanno contribuito a tali successi – commenta Stefano Cavallini, Presidente Regionale Anief Campania appena riconfermato – anche perché tali successi regionali seguono un miglioramento a livello nazionale che ha portato l’Anief a un traguardo storico e impensabile per tutti tranne che per coloro che l’hanno reso possibile: la rappresentatività nel comparto istruzione, università e ricerca”.

Anche per la Campania l’ultimo anno è stato difficile per ovvi motivi, ma questo non ha impedito a livello regionale di dare un apporto e di continuare a fare sindacato basandoci sui principi fondanti dell’Anief. Le sedi hanno lavorato in presenza e nei periodi di lockdown tutti i sindacalisti Anief della regione hanno dato supporto a distanza senza mai venir meno a quei doveri, morali più che altro, per restare vicino a tutti i lavoratori.

Con lo stesso entusiasmo e la stessa dedizione la struttura regionale inizierà il prossimo quadriennio con la convinzione di riuscire a vincere tutte le sfide che si troverà ad affrontare.

“Squadra che vince non si cambia – commenta il presidente nazionale Anief Marcello Pacifico – e in questo caso sono contento delle riconferme e dei nuovi presidenti provinciali. La Campania ha il duro compito non solo di confermare ma di migliorare i risultati avuti negli ultimi anni”.

Durante il congresso è stata inoltre individuata la figura del coordinatore regionale ATA nella persona di Gilda Tramontano: “è giusto prevedere un referente Ata regionale – conclude Stefano Cavallini – anche perché per il prossimo quadriennio questa sarà una sfida da affrontare, cioè rappresentare al meglio non solo il personale docente ma anche il personale Ata”.

Print Friendly, PDF & Email