Covid: Noi Consumatori chiede di rinviare anche la scadenza della rottamazione, impossibile da pagare, come per saldo e stralcio, entro il 10 dicembre.

NAPOLI, -Il nuovo decreto legge del governo, inspiegabilmente e nonostante il lock down e l’impossibilità di poter pagare da parte di tanti nostri concittadini, non è intervenuto sul rinvio dei termini di scadenza della rottamazione-ter e del saldo e stralcio. Dobbiamo insistere per evitare disordini e per la tutela dei diritti dei contribuenti che non possono esser costretti a pagare senza poter lavorare.”

E’ quanto sostiene l’Avvocato Angelo Pisani, Presidente dell’Associazione Noi Consumatori, che invita il governo a guardare la realtà di chi non vive di benefici statali e deve sopravvivere tra spese e tasse insostenibili.

“Ad oggi, purtroppo, – aggiunge Pisani – resta pertanto confermato il termine ultimo del 10 dicembre 2020, entro il quale i contribuenti in regola con il pagamento delle rate scadute nell’anno 2019, possono effettuare i pagamenti delle rate in scadenza nel 2020, senza perdere i benefici delle misure agevolative.”

“Per evitare suicidi e caos – conclude Pisani - è necessario rinviare la scadenza delle rate della rottamazione e del saldo e stralcio onde poi consentire a tutti di poter un giorno ricominciare a lavorare e vivere senza essere strozzati da una crisi economica senza precedenti pari solo all’attuale malasanità e passerelle politiche”.

Print Friendly