“Il giorno della Memoria, che tutta l’Italia e le sue istituzioni celebrano domani, non serve solo a ricordare le vittime della Shoah, ma a ricordarci che la memoria per essere condivisa va studiata, vissuta e difesa da chi coltiva odio e razzismo. Ha ragione il rabbino Di Segni: gli autori di queste indegne bravate non rappresentano Roma. Testimoniano solo la loro immensa ignoranza. Il nostro impegno e’ quello di restare a fianco della comunita’ ebraica e di ricordare, assieme, che la civilta’ e la pace si difendono giorno per giorno, senza mai abbassare la guardia”. Lo afferma il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin.

Print Friendly