Sit In di Insieme per Napoli a piazza Plebiscito: “Tre proposte per salvare i lavori della Linea 6, i fondi europei e la piazza più bella del mondo” Sabato 16 febbraio alle ore 10.00 Insieme per Napoli scenderà in piazza per illustrare ai napoletani le sue proposte per la salvaguardia di piazza Plebiscito e per scongiurare l’ennesimo scontro tra Comune e Governo. In particolare le associazioni – prevista anche la presenza del presidente di Eav Umberto de Gregorio – con l’aiuto di un gruppo di writers, mostreranno plasticamente le dimensioni, la forma e l’esatta ubicazione delle griglie di piazza Plebiscito secondo i progetti del Comune, paragonando il progetto attuale alle tre proposte fatte dalle associazioni civiche. La prima proposta è quella dei “10 passi per piazza Plebiscito” . La proposta originaria che prevede l’installazione di griglie di aerazione fuori dall’emiciclo della piazza. Insieme per Napoli ha immaginato il posizionamento di griglie larghe circa 1,5 metri e lunghe 18 metri che correranno lungo il bordo esterno della piazza. Una soluzione che, allo stesso tempo, salvaguarda la piazza, coincide con le esigenze di aerazione della metropolitana e non invade la sede stradale. La seconda proposta concerne le cosiddette “Grate artistiche”. Insieme al presidente di Eav Umberto de Gregorio e all’architetto Mazzoleni sarà illustrata la proposta che prevede l’installazione di grate di forma e colore particolare, delle vere e proprie installazioni artistiche che, in ogni caso, andranno installate all’esterno dell’emiciclo della Basilica di San Francesco di Paola, in posizione leggermente decentrata. Terza e ultima opzione è quella dei “Vani sotterrane”. Sotto la Basilica di San Francesco di Paola ci sono alcuni locali di proprietà del Demanio le cui canne di aerazione passano proprio sotto l’edificio religioso e sfociano su piazza Plebiscito e su via Gennaro Serra. Sarà proposto al Comune di interessarsi per l’acquisto e il riadattamento di uno di questi locali da destinare a condotta di aerazione. Una soluzione che non pregiudicherebbe in alcun modo la tenuta e la salvaguardia della Basilica e che, contemporaneamente, avrebbe un impatto minimo su piazza Plebiscito. «Noi non siamo per lo scontro istituzionale – ha spiegato l’avvocato Gaetano Brancaccio, portavoce di Insieme per Napoli – ma, anzi, vogliamo metterci a disposizione della città fornendo proposte adeguate che tengano conto sia delle esigenze di piazza Plebiscito, una delle piazze più importanti d’Italia, vincolata dalla Sovrintendenza, sia della necessità di portare a termine i lavori per le griglie di aerazione della Linea 6. Saremo in piazza non per una sterile forma di protesta, ma per mostrare ai cittadini che soluzioni alternative ci sono e meritano di essere prese in considerazione. Noi – prosegue Brancaccio – siamo dell’opinione che la nostra città non possa assolutamente permettersi di perdere i fondi europei destinati alla metropolitana, direzione nella quale rischia di andare il Comune di Napoli alle prese con l’ennesimo scontro con il Mibac. Per questo chiederemo ancora una volta di essere ascoltati senza pregiudizi di natura politica».

Print Friendly