Il Piano Nazionale Integrato 2015-2018, è un documento fondamentale per la sicurezza alimentare italiana, in quanto regola i controlli ufficiali per la sicurezza alimentare e per la lotta alle frodi lungo l’intera filiera produttiva, dai campi alla tavola. Inoltre estende i controlli su anagrafe animale, farmaco veterinario, benessere animale, mangimi, malattie infettive e zoonosi.
E’ composto da sette capitoli ed è redatto dal Ministero della Salute, e in conformità al Regolamento (CE) n.882/2004 e alla Decisione 2007/363/CE, è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni con Intesa del 18 dicembre 2014.

Gli obiettivi sono, oltre la tutela del consumatore mediante il mantenimento di un elevato livello di protezione della salute umana, della salute degli animali, della sanità delle piante e della sicurezza alimentare, la lotta alle frodi e alla contraffazione e la difesa delle produzioni agroalimentari.

E’ definito integrato, proprio perchè le attività di controllo delle produzioni alimentari vengono integrate in una visione d’insieme con i controlli relativi ad altri ambiti di interesse che possono condizionare direttamente o indirettamente le produzioni agrozootecniche, come la sanità ed il benessere animale, l’alimentazione zootecnica, la sanità delle piante, oltre ad alcune tematiche relative alla tutela dell’ambiente.

Il Piano Nazionale Integrato è uno strumento fondamentale a tutela della salute sia umana che animale, indice di enormi passi in avanti fatti dalla sanità veterinaria e da tutto il comparto agroalimentare italiano.

di Mosè Alise

Print Friendly, PDF & Email