Venerdì 28 novembre presso la sala del Consiglio comune di Napoli, i dirigenti regionali e nazionali dell’A.S.C. (Attività Sportive Confederate), hanno presentato alla stampa e al pubblico il programma delle attività sportive, culturali e sociali per l’anno 2015.

Presenti all’incontro il presidente nazionale dell’A.S.C. Luca Stevanato, il presidente regionale Marco Mansueto e il Consigliere nazionale Ciro Improta, oltre una numerosa platea composta dai Presidenti e vari atleti delle tante associazioni affiliate.

Un programma fitto d’impegni e d’interesse, all’insegna dell’aggregazione sociale, crescita individuale e rispetto per il prossimo che vedrà coinvolte tantissime realtà sportive campane e nazionali, che abbracceranno sia gli sport più noti come il calcio e sia gli sport cosiddetti “minori”, come il rugby.

Tra le rivelazioni sportive campane, precisamente partenopee, c’è proprio il Rugby, uno sport nobile e altamente formativo sia dal punto di vista fisico che educativo.

L’A.S.C., come Ente di promozione sportiva, ha creduto fin dal primo momento in questa iniziativa e, grazie alla dedizione e al duro lavoro Luigi Piscopo, ha portato questo sport a Napoli, a Scampia, zona tristemente nota per il forte disagio sociale che l’attanaglia da decenni, creando il Rugby-Scampia, una squadra divenuta fin da subito il fiore all’occhiellondella realtà rugbistica campana e nazionale.

La forte passione e dedizione di Piscopo e del suo staff, ha dato e continua a dare risalto, oltre all’attività sportiva e fisica in quanto tale che il gioco del rugby offre, anche e soprattutto al valore sociale e formativo che questa disciplina inculca agli allievi soprattutto in un’area difficile come quella di Scampia, facendola intendere come “gioco di squadra” che resta tale sia in campo che fuori dal campo.

di Mosè Alise
@MosAlise

Print Friendly