Il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, durante la conferenza del 4 novembre tenuta alla Presidenza del Consiglio dei Ministri sulla Legge di stabilità, ha dichiarato:

“E’ stato un incontro estremamente positivo perché è stato condiviso un metodo che è il metodo del Patto della Salute. Se c’era bisogno l’abbiamo ribadito. Quest’anno abbiamo un miliardo e trecento milioni in più rispetto allo scorso anno e dobbiamo fare in modo che produca valore e che le Regioni possano utilizzarlo nel modo migliore.

Sui piani di rientro per ospedali in deficit e sulle centrali uniche d’acquisto penso che in prospettiva l’utilizzo di queste leve, che sono sottovalutate, si potrà aiutare le regioni a iniziare un lavoro di riacquisizione di risorse al loro interno. Tra un anno potremo fare un bilancio di queste misure e valutare il da farsi nei prossimi anni. Così come tra qualche mese potremo valutare impatto dei farmaci sull’epatite C.

Confermo che abbiamo tutta la volontà a lavorare in modo proficuo sul tavolo tecnico già in corso da qualche mese sulla governance farmaceutica, in particolare sui farmaci ospedalieri e credo che sarà una delle nostre sfide per i prossimi anni. Inoltre, le risorse per il rinnovo dei contratti del personale sono al di fuori del Fondo e questo ci ha dato maggior respiro per poter agire in maniera concreta”.

di Luciano Colella

Print Friendly