L’esposizione a lungo termine all’inquinamento può accelerare l’indurimento delle arterie che contribuiscono a infarti e ictus, dicono ricercatori degli Stati Uniti.

I ricercatori, guidati dal dottor Sara Adar dalla Università del Michigan e il dottor Joel Kaufman dalla Università di Washington, hanno esaminato come l’esposizione a polveri sottili colpisce le arterie carotidi – le arterie che forniscono la testa, il collo e il cervello.

Sotto inchiesta le alte concentrazioni di particolato fine (PM2.5), legate a un ritmo più veloce di ispessimento.
“I nostri risultati ci aiutano a capire come sia possibile che l’esposizione all’inquinamento atmosferico può causare l’aumento di infarti e ictus, spiega Adar.

Le particelle sottili (PM2,5) – particelle con un diametro inferiore a 2,5 micrometri o 1/30 della larghezza di un capello umano – è prodotto principalmente da veicoli a motore, centrali elettriche e altre fonti di combustione.

È stato pensato a lungo a un legame tra l’esposizione a queste particelle e le malattie cardiovascolari, ma gli studi precedenti si sono dimostrati inconcludenti.

I ricercatori hanno studiato 5.362 persone di età compresa tra i 45-84 anni insei aree metropolitane degli Stati Uniti come parte del Multi-Ethnic Study of Atherosclerosis.

All’inizio dello studio, i partecipanti non hanno sviluppato alcun sintomo di malattie cardiovascolare.

I ricercatori hanno misurato l’inquinamento dell’aria nei paraggi delle abitazioni delle persone che hanno partecipato alla sperimentazione, hanno poi eseguito misure ultrasuoni della carotide destra, a distanza di circa tre anni.

In media lo spessore del recipiente carotideo era aumentato di 14 micrometri ogni anno e i vasi sanguigni di persone esposte a livelli elevati di inquinamento atmosferico da polveri fini, ispessite più velocemente di altri che vivono nella stessa area metropolitana.

Print Friendly, PDF & Email