La Direttiva europea 93/119/EC ha stabilito che la macellazione (in generale) deve essere praticata nei macelli (art. 5, comma 1).

In alcuni Paesi dell’Unione europea, il contrasto tra la Direttiva europea e la prassi da loro usata, è emerso soprattutto in riferimento alla celebrazione della festività religiosa dell’Aid al-Kabir, durante la quale sono sacrificati numerosi animali e i macelli non essendo in grado di soddisfare le richieste provenienti dalle comunità hanno preferito utilizzare la macellazione domestica. In tale contesto, negli anni Novanta, le autorità municipali francesi, cercando di soddisfare tali esigenze, predisposero i cosiddetti “siti di esenzione”, strutture temporanee esterne ai macelli. Tuttavia, l’Ufficio Veterinario dell’Unione europea richiamò la Francia, avvertendola che sarebbe stata multata se avesse continuato a violare la Direttiva. Così, dalla fine del 2001, ogni deroga all’obbligo di praticare la macellazione rituale al di fuori dei luoghi consentiti è stata vietata.

di Mosè Alise

Print Friendly, PDF & Email