“Con le elezioni del Consiglio Regionale ASC, il  primo atto concreto sarà la valorizzazione del Mare e delle Periferie.”

A dichiararlo è Marco Mansueto, candidato alla Presidenza Regionale di ASC, Ente di Promozione Sportiva riconosciuto dal CONI.  

“Con l’elezione dei rappresentanti del Consiglio Regionale ASC, finalmente  avremo la possibilità concreta di riscrivere una nuova Legge  dello Sport in Campania, ma soprattutto si porranno le basi per la costruzione di un nuovo confronto istituzionale, che sappia superare le criticità del territorio e valorizzarne le straordinarie potenzialità dei piccoli Comuni e delle Periferie.” continua il candidato
alla presidenza regionale di ASC Ente di Promozione  Sportiva riconosciuto dal CONI, Marco Mansueto.

“All’appuntamento del 15 ottobre 2020, alle ore 16 presso il Cavaliere Country Club, l’assemblea regionale dovrà essere capace di spiegare il programma dei quattro anni, rendendolo attivo e funzionale. Si interverrà con consapevolezza e responsabilità, grazie anche ai preziosi incontri con il mondo delle associazioni e delle professioni, da cui sono emerse molte proposte. ”
“Durante l’assemblea” prosegue Marco Mansueto “ci sarà modo di illustrare il nostro programma di coesione tra le cinque province, che si fonda essenzialmente su un credo imprescindibile: dare alla Campania  una dimensione europea  della promozione sportiva, che renda il territorio più dinamico, senza steccati tra centro e periferie.
In questo progetto di rinnovamento, che non sarà certo di facile realizzazione, ma che dovremo perseguire con decisione e senza indugi, abbiamo già individuato le seguenti linee-guida:

  1. difendere e valorizzare il mare e i laghi, praticando la promozione di sport acquatici.
  2. promuovere le ricchezze architettoniche e culturali.
  3. utilizzare le aree sportive pubbliche.
  4. sostenere le piccole ASD.
  5. studiare una nuova politica d’incentivi in favore delle associazioni sportive e sociali.
  6. puntare sul turismo religioso, sportivo e sul nostro infinito tesoro eno-gastronomico.
  7. accedere ai fondi europei e utilizzarli.

C’è tanto da fare – conclude Mansueto – e sono convinto che ASC potrà essere uno stimolo per il territorio e per quelle forze sane e propositive che puntano a un determinante rilancio dell’economia in un’area potenzialmente imbattibile ma, in realtà, ancora ammalata di controproducenti localismi, di progetti senza respiro e di una sfiducia nelle proprie possibilità”.

Print Friendly