Il 5/6/7 novembre, presso Centro Congressi Fondazione IDIS – Città della Scienza di Napoli, si è tenuto XXXVIII congresso dell’AIE in collaborazione con ISS, Regione Campania e Legambiente, intitolato “Il futuro dell’epidemiologia per l’ambiente, la salute e l’equità”.

Il convegno ha esposto al pubblico il contributo degli studi epidemiologici per la valutazione integrata dei fattori-chiave della salute pubblica campana, elementi basilari che comprendo sia lo stile di vita condotto dal cittadino, sia l’ambiente in cui vive, incidendo poi sulla qualità e l’accesso alle cure.

L’ indirizzo della ricerca è volto alla definizione di misure di sanità pubblica e priorità di intervento che andranno a migliorare la capacità di pianificazione, gestione e valutazione degli interventi di prevenzione.

L’impegno dell’AIE è proprio quello di dare risposte affidabili a questi quesiti, attuando una corretta comunicazione dei risultati delle indagini epidemiologiche e promuovere così la partecipazione dei cittadini alle varie fasi degli studi, soprattutto nelle zone più a rischio come quelle della cosiddetta “terra dei fuochi”.

Un ulteriore passo avanti per la salute pubblica campana.

di Mosè Alise

Print Friendly