Domenica 5 ottobre 2014, anche a Napoli, in via Scarlatti, come in altre 100 piazze italiane, si è svolta la veglia delle “Sentinelle in piedi”. L’appuntamento ha coinvolto circa 100 persone proveniente da Napoli e provincia che, a causa di un gruppo di contestatori del mondo lgbt, non hanno potuto manifestare nel consueto stile delle sentinelle, ovvero in silenzio ed in ordine. I contestatori, una cinquantina di ragazzi e ragazze, hanno attaccato la veglia senza tregua con cori ingiuriosi, insulti e bestemmie, lancio di preservativi pieni d’acqua e uova. Le forze dell’ordine hanno prontamente formato un cordone di sicurezza separando le sentinelle dai manifestanti, permettendo così di terminare la veglia.

 

di Mosè Alise

Print Friendly