angelino alfano

Mercoledì 22 luglio 2015

Il Viminale ha condotto questa mattina in Lombardia una brillante operazione antiterrorismo, denominata Bay’a, volta a scardinare alcune cellule italiane di terroristi legate all’Isis che, negli ultimi mesi, progettavano atti di terrorismo sul territorio italiano tramite internet e i social network come Twitter.

A Brescia la Digos e la Polizia postale, hanno arrestato due persone,  un cittadino tunisino di 35 anni e un pakistano di 27 anni, con l’accusa di associazione con finalità di terrorismo internazionale e di eversione dell’ordine democratico. I terroristi, fervidi sostenitori dell’autoproclamato Stato Islamico (Is), svolgevano attività continuativa di proselitismo e istigazione terroristica pubblica nel web.

Il tunisino infatti,  aveva creato l’account twitter Islamic State in Rome e il pakistano invece, progettava atti di terrorismo nel territorio italiano per mezzo della piattaforma informatica.

I messaggi inviati sui social, firmati Islamic State,  erano più che minacciosi. Essi consistevano in una serie di foto scattate nei luoghi simbolo italiani con messaggi scritti a penna su fogli di carta recanti scritte come «Siamo nelle vostre strade. Siamo ovunque. Stiamo localizzando gli obiettivi, in attesa dell’ora X».

Continua l’operazione del Viminale e del ministro Angelino Alfano, contro il terrorismo internazionale.

La sicurezza del Paese prima di tutto.

di Mosè Alise

Print Friendly, PDF & Email